Carrello

Il carrello è vuoto

Subtotale
Acconto (30% del totale)
  • American Express
  • Apple Pay
  • Mastercard
  • PayPal
  • Visa
Andros

Andros

Andros cattura il mare, e lo dispensa a pennellate generose

Andros è ancora “underdog”:  natura da urlo e spiagge scintillanti, a due passi da Atene.
Non rimarrà sconosciuta a lungo.
Quasi dimenticata a est di Atene, obliata e sconosciuta ad ovest di Mykonos, lontana appena un fazzoletto di mare da Tinos, Andros appare bellissima, come una benedizione e meglio di una rivelazione. Un’isola come nessun’altra, tra le Cicladi. e un dono della natura, che a tratti commuove.

Scivola, dal ponte del traghetto di Fast Ferries, la parte nord di Andros. E la vedi disabitata e malinconica alla luce del tramonto, e nonostante le onde, si ascolta forte il silenzio, interrotto solo qualche puntino bianco che cattura la fantasia: colombaie, fattorie rustiche, qualche casa vacanza.

 
isola di Andros Grecia
Chora Andros

Andros era potente, un tempo. Tanto da diventare addirittura il secondo porto della Grecia dopo il Pireo. Isola di capitani, armatori, marinai, i greci partivano da qui in cerca di nuove vite in America. Erano gli anni ’20, che hanno lasciato in eredità splendidi palazzi e un’atmosfera sopita e lontana. Nessuno, allora, pensava che quasi un secolo dopo la gente sarebbe ritornata, alla ricerca di sensazioni perdute e con una voglia di vacanza più vivace che mai.

 
le spiagge di Andros Grecia
Palaiopoli

E allora Andros rivela al viaggiatore il suo tesoro di oggi, l’incredibile varietà della natura. Senza dimenticare la presenza di acqua e sorgenti in abbondanza, che, ne siamo sicuri, la renderà ricca anche quando l’era del turismo volgerà al termine.

Amerai perderti tra fontane in marmo, fiumiciattoli dove nuotano ingenue tartarughe, grotte e terrazze fiorite. Fichi d’india, e bouganvillee, valli rocciose e mare scintillante.
Mare che Andros cattura a sé, e che dispensa a pennellate generose, con panorami senza confini dai suoi vasti altipiani.
 
isola di Andros villaggi
La baia di Korthi

La mappa di Andros

Andros non è un'isola piccola per estensione. CI sono molti villaggi, due coste completamente differenti tra loro, ognuna con le sue spiagge, ognuna con le cose da vedere. Ci verrà in aiuto allora la mappa di Andros, per fare centro al primo colpo ed iniziare ad esplorarla ancora prima di essere scesi dal traghetto.

Andros, spiagge per tutti i gusti

Le spiagge di Andros spaccano! Poche volte abbiamo incontrato in Grecia un'isola greca così varia e differenziata da questo punto di vista. Di solito, le cose non vanno mai così. O ci sono "solo" spiagge dorate dalla sabbia fine e morbidamente polverosa, vedi Naxos, o ci si imbatte in'isole dal mare dal colore di un turchese pazzesco ma solo ciottoli e sassolini, come accade a Paxos e Chios. Andros prende invece i due mondi e si diverte a mischiarli un chilometro di litorale dopo l'altro.

Ad Andros ci sono spiagge, come Vitali, Ateni e Zorkos, facilmente accessibili solo con un proprio veicolo, con il vantaggio non da poco che di solito puoi averle solo per te. È una sensazione meravigliosa arrivare su una spiaggia paradisiaca e si scopre che non c'è nessun altro, e ad Andros è sempre accaduto anche ad agosto, e an che prima del coronavirus.

E poi ad Andros ci sono spiagge per famiglie e per bambini e per pigroni e per chi vuole dormire tutto il giorno, comne Batsi, Agios Petros, Kypri, Nimborio e Psili Ammos.

E infine ci sono spiagge da cartolina come Grias to Pidima, con la sua roccia così caratteristica, e spiagge ideali per il surf dove il vento è sempre padrone (Korthi) e spiagge per gli sport acquatici, specie per il SUP.  C'è una zona migliore per il mare, sull'isola? Realmente, no: al massimo, possiamo sconsigliare la costa nord, quella di Chora, a chi teme particolarmente il vento ed il meltemi. Ma per ora basta, tanto ccenderemo nei dettagli, zona per zona, nella pagina dedicata a tutte le spiagge di Andros, ma sin da ora, speriamo di aver messo l'acquolina in bocca.

Dove dormire ad Andros

La maggioranza dei turisti, storicamente, si è sempre fermata a dormire ad Andros nella zona di Batsi, sulla costa sud, a circa 10 km dal porto di Gavrio. È una buona scelta? Assolutamente. Lo è intanto per la sua spiaggia di sabbia: estesa, comoda, attrezzata, sempre riparata dal vento e dal mare calmo come la classica tavola d'olio. E poi perchè Batsi è quasi equidistante dalle altre località "topiche" dell'isola. Con una macchina e ma anche con il bus, a Batsi ci si sentirà sempre al centro dell'azione.

 


La seconda opzione è, manco a dirlo, il capoluogo dell'isola, la Chora. Uno dei paesini più splendidi di tutte le Cicladi, magico in ogni suo vicolo, fremente di Grecia verace ed autentica in ogni suo angolo. Chora è defilata, ma vicino ad essa ci sono spiagge fantastiche, villaggi di vecchi armatori cristallizzati dal tempo, ed è una localitù scontata e decisamente più divertente per dormire ad Andros che qualsiasi altro luogo. Se chiedete a me e Katerina, scambieremmo volentieri la sua relativa lontananza per godere appieno della sua favolosa "grecità", anche a livello di taverne, negozietti e ristoranti.

Idea anticonvenzionale è quella di scegliere Korthi e il suo golfo, più a nord e più a sud che sull'isola si possa andare. Una buona scelta per le coppie e i viaggiatori solitari, per gli amanti delle camminate (ottimi sentieri da qui) e degli sport da tavola.

E Gavrio? Il porto di Gavrio è più che altro un luogo di passaggio dove sbrigare commissioni, o rilassarsi in attesa prima di imbarcarsi sul traghetto, magari per proseguire la vacanza a Tinos. Visto che però, comunque. Gavrio è vicina alla bella spiaggia di Kypri, comoda per Batsi, e base di partenza ideale per le spiagge più remote, selvagge ed isolate di Andros sulla parte nord ovest, e che è anche uno dei posti più economici per fermarsi a dormire ad Andros, non la scarteremmo per nulla tra le opzioni di scelta, anzi.

Come arrivare ad Andros

Sono due gli aeroporti da scegliere al momento di decidere come arrivare ad Andros: Atene e Mykonos. Da qui poi si prosegue in traghetto, ce ne sono molti in entrambe le direzioni e ci mettono praticamente lo stesso tempo di navigazione: intorno alle due ore. Il prezzo è sempre inferiore alle €20 per persona in posto ponte e classe economica, e non ci sono navi veloci ed aliscafi sulla tratta: Andros è servita solamente da traghetti convenzionali.

traghetti per Andros


Per chi fosse già in giro nelle Cicladi, e volesse arrivare ad Andros da altre destinazioni e isole secondarie, abbiamo scritto quello che c'era da scrivere nella pagina appena linkata!

Andros cosa vedere

C'è tanto da vedere ad Andros! Non è isola come le altre. Si tratta di un'isola importante, che ha avuto una sua classe mercantile, un vecchio porto che rivaleggiava col PIreo. E anche la natura non è come te la aspetti: rispetto a molte cicladi, Andros ha valli verdeggianti, sorgenti d'acqua, antichi monasteri abbarbicati sulle montagne, ponti medievali.

Personalmente, pensiamo proprio che la natura sia l'attrazione principale di Andros. E da questo punto, chiamiamolo fotografico, Andros è una delle isole più belle in cui abbiamo la fortuna di essere mai stati. Un esempio su tutti? Le cascate di Pithara, che sono vicine a Chora.

Dal punto di vista dei monumenti, l'attrazione principale dell'isola è probabilmente la torre di Agios Petros, situata sopra l'omonima spiaggia. Saremo comunque decisamente più dettagliati, come sempre, nella sottopagina intitolata cosa vedere ad Andros.

Muoversi e spostarsi ad Andros

Servono circa 30 minuti di macchina per muoversi tra Batsi e Chora, che diventano 45 nel caso si partisse dal porto di Gavrio. Minuti da percorrere su strade curvose, alte, che scollinano la catena montuosa centrale dell'isola: è evidente che è per muoversi ad Andros un'auto a noleggio è molto meglio che uno scooter. Non a caso il lungomare di Gavriosè ben attrezzato di autonoleggi, ma attenzione: sono pochi, e queste vanno sempre esaurite molto presto. Prenotare già in primavera è obbligatorio, a maggior ragione se si desiderassero macchine particolari, tipo col cambio automatico o 4x4.



Le opinioni finali di Andrea e Katerina

Come Posidonio con il suo tridente, Andros sembra aver voluto far suo il meglio della Grecia insulare. È come se arpionasse con questa fiocina Karpathos e le sue spiagge, le Sporadi e i suoi villaggi dalle tegole rosse, e Creta con i sui spazi, in un insieme armonico e delicato allo stesso tempo.

Il perché quest’isola sia pressoché sconosciuta al grande pubblico, è quindi un enorme punto di domanda.
Per coloro che vogliano andare controcorrente, o semplicemente vogliano sentirsi un pò greci, (loro si che amano viverla ogni fine settimana), Andros è l’alternativa per eccellenza.


© Testo: Andrea Pelizzatti - Foto: Katerina Pouliaki