Grecia a settembre, ovvero il paese della felicità

Ah, la Grecia a settembre. Croce e delizia di Grecia Mia!
Croce perché non ne basterebbero 12 di “settembri” messi insieme in fila uno dopo l’altro. Vorremmo essere dovunque e nello stesso momento. Ma settembre ha solo 30 giorni,  dannazione!
Ma sopratutto delizia perché settembre è in assoluto il mese migliore dell’anno.  Tanto che domandarsi dove andare in Grecia in questo periodo non ha nemmeno molto senso, qualunque tra le isole greche sarà un successo.
L’acqua del mare è ancora calda dalle lunghe calure estive, le giornate lunghe e le ore di sole più che abbastanza per ustionarsi la pelle. (E non fate come noi che la crema solare la dimentichiamo sempre in camera. E dico SEMPRE, insieme al caricabatterie del telefonino.)
Gli alloggi e gli studios, come i ristoranti e le taverne sono ancora tutti aperti. E poi i prezzi di voli e strutture sono spesso il 30% se non il 50% più economici che a ferragosto.
E poi c’è la tranquillità. Navi meno piene, pesce più fresco nei ristoranti, che ad agosto il pescato del giorno non basta mai per tutti.
Non ultimo i greci che si incontrano sul vostro cammino saranno più sereni. Ogni chiacchiera con il servitore come con l’anfitrione di casa sarà più calma, gratificante. Presto si potrà tornare ad Atene e ricaricare le pile in vista della prossima stagione! Altro che mese di rientro, la Grecia a settembre è il paese della felicità. 

 
isola greca a settembreParos a settembre è semplicemente così

dove andare in Grecia a settembre? OSA!

Non daremo quindi in questo articolo suggerimenti troppo specifici, io e Katerina pensiamo non servano per vivere una fantastica vacanza in Grecia a settembre. Non c’è nessuna isola in particolare da preferire, solo alcune indicazioni rispetto agli arcipelaghi e a cosa si andrà incontro. Fedeli al vecchio motto, chi osa vince.

quali isole della Grecia visitare a settembre

Ma è davvero sempre tutto aperto?
Le isole più piccole sono quelle dove la stagione finisce prima e dove a fine mese le prime attività cominceranno a chiudere. Mai prima del 20 settembre però! Prima di questa data, vi diamo garanzia che troverete sempre tutto aperto, dappertutto.

7 arcipelaghi , 7 mari

  • Magari ci si potrà concentrare sulle Cicladi che ad agosto sono le isole che si riempiono di più. Qui avrete occasione di poter visitare Koufonissi al massimo del suo splendore e nella sua tranquillità, fare un tuffo a Kolymbithres a Paros, o godervi in quasi esclusiva l’incredibile spiaggia bianca di Sarakiniko a Milos. Lussi settembrini.
  • Oppure perchè non allontanando un pò, per avvicinarsi ai confini?
    La linea di frontiera tra Grecia e Turchia è lunga in linea d’aria quasi 700 km, e si sviluppa da Samotracia a Nord sino a Kastellorizo a sud. Si incontrano due arcipelaghi, il Dodecaneso e l’Egeo Nord Orientale. Questa è una Grecia a settembre ideale per chi vuole combinare il mare con la vita tradizionale che scorre intatta e parallela. Lavoro e turismo, bagno al mare e negozi, motorini, passeggiata la sera con famiglia e amici. La scelta delle destinazioni che potremmo consigliarvi è immensa.  Però mai come a settembre si potrà osare di abbinare qualcuna delle isole più grandi e che spaventano sempre per la loro dimensione, come Chios e Rodi, ad alcune più piccole e segrete, dove lo stupore per la selvaggia bellezza del posto sarà totale, come Psara e Tilos.
 
isole greche a settembreLa spiaggia di Eristos a Tilos subito dopo il tramonto

in grecia a settembre fa caldo

  • E poi c’è chi ha paura del mare freddo. Allora spunta fuori Creta, che se uno ci pensa impazzisce visto che è lontana solo 320km dal Sahara. Quest’isola regalerà grandi soddisfazioni. A patto di noleggiare una macchina e non aver paura di spiagge deserte e dalle sensazioni libiche. Oppure se il volo costasse troppo ripiegare su Atene e partire alla scoperta delle isole del Golfo Saronico. Magari in barca a vela!
  • E per chi la macchina non vuole noleggiarla ma portarla con sè? Per loro, la Grecia a settembre assumerà tutti colori dello Ionio. Un arcipelago che esplode di vita, di spiagge di sabbia bianca come a Zante, o di ciottoli dalle forme più divertenti e bianchissimi come la neve e Paxos. E i più avventurosi potranno proseguire per le Sporadi, magari fermandosi alle Meteore, perché posti così, davvero, non stanno né in cielo né in terra.