Un’isola o un continente? Tutti i perché e i percome di Creta

isola di Creta Grecia

Creta non è solamente l’isola più grande della Grecia, quasi come fosse una nazione a sé, ma ne è anche e soprattutto la destinazione turistica più importante. Un’isola complessa e orgogliosa, che vanta una storia ricchissima e per millenni autonoma da quella del continente. Per anni io e Katerina le abbiamo solamente girato intorno. Ci dicevamo: “andremo a Creta quando avremo da dedicarle mesi e anni del nostro progetto (scopri qui chi siamo e cosa facciamo)“. Col senno di poi, mai errore fu più imperdonabile! Luoghi come questo vanno afferrati subito, perché c’è il rischio che altrimenti loro afferrino te, mettendoti di fronte ad anni e anni di scelte sbagliate ed occasioni perdute. Come Creta non ce n’è.

mappa di Creta

Cominciamo col Cosa fare, vedere ed evitare a Creta

Creta Grecia

Indipendentemente da quello che si vada cercando in una vacanza, a Creta c’è.
L’elenco di infinite possibilità comprende, un una lista sparsa, disordinata, senza pretese ma quanto mai tentatrice:

  • L’abbronzarsi su chilometriche spiagge di sabbia.
  • Immergersi in acque cristalline, fare trekking in ambienti di alta montagna.
  • E ancora: sentirsi un pò Minotauri ed esplorare il palazzo di Cnosso, o immergersi nella misteriosa civiltà minoica a Festos.
  • Perdersi in villaggi tradizionali – ad esempio qui parliamo di Zaros dell’entroterra appena sfiorati dalla modernità.
  • Osservare la Grecia di oggi, i suoi commerci i suoi negozi multinazionali nelle città più grandi come Heraklion, Réthymno e Agios Nikolaos.
  • A Creta si potrà ballare fino a mattina inoltrata i successi hardcore che fanno muovere l’Olanda a Hersonissos, oppure passare dolci serate cullati a ritmo di bouzouki sul lungomare veneziano di Chania.
  • Semplicemente, si potrà svernare nell’angolo più a sud d’Europa, quella Paleochora che si trova proprio con laggiù dove finisce il mondo.
  • Fare sport, ma proprio ogni sport, da quelli acquatici come i pazzi che fanno il giro dell’isola in kayak (!) a gare internazionali di scialpinismo (!)
  • Di musei ce ne sono tanti che non basta una vita intera. E non solo guerre e vecchie civilizzazioni sono il loro tema, ma anche l’amato calcio. A Chania c’è appunto il museo del Football!
  • Da evitare a Creta, c’è una cosa a cui proprio non si pensa: la mafia! A detta dei greci, se c’è qualcosa in Ellada di minimamente simile a questa piaga così tipicamente italiana, si trova qui. Siamo così a sud che le passioni e le scelte di vita a volte possono essere bollenti… Per chi se la cava con l’inglese ecco un articolo che ci spiega bene i legami tra cartelli di narcotraffico sotto mentite spoglie di pastori!
prodotti tradizionali di Creta Grecia
Raki

Perchè andare a Creta: potersi inventare una persona diversa ogni giorno

Quella di cui sopra era solo una lista per ingolosire, per far venire l’acquolina in bocca e nulla più. La lista potrebbe infatti continuare ancora molto a lungo. Il messaggio che deve passare è che domandarsi perché andare a Creta è una domanda stupida. Molto meglio invece domandarsi cosa si vuole fare e che persona ci si vuole improvvisare.

Cartina di Creta alla mano, servono due vacanze

visitare Creta Grecia

Per sapere come impostare la vacanza, comunque, bisogna andare per ordine. La prima cosa da realizzare è che è impossibile visitare tutta Creta in un’unica vacanza. L’isola è troppo grande, da paragonare alle nostre Sardegna e Sicilia. Come si fa a vedere tutto in due settimane? Non si può.

cosa visitare a Creta
L’isola non merita questa arroganza.
Meglio allora dividere l’isola in due e tenersi libere due estati consecutive, una per “lato”.
La prima volta potrebbe essere dedicata alla parte occidentale. Si atterra a Chania, macchina a noleggio, e poi via verso Elafonissi, Falassarna, Balos, Kissamos – qui la nostra pagina. Tappa obbligata almeno spingersi sino a Sougia, e un pò di selvaggio entroterra. Magari arrivare sino a Gavdos, dove finisce l’Europa.
La seconda volta si potrà volare su Heraklion, invece. E da qui buttarsi subito a sud, a Matala, Lendas, e poi costeggiare tutto sino a Ierapetra, Kato Zakros, Chrissi e Makri Gialos. Sino a tornare a Sitia, Agios Nikolaos per un anello di tutto rispetto! Scoprire questo “Far East” significa scoprire quell’estremo oriente che anni fa era la zona più turistica di Creta e che ora ha perso momentum e guadagnato in autenticità.
Il resto sarà da costruire con passione e secondo l’interesse di ciascuno, e siamo qui apposta per dare una mano. Si può cominciare con la cartina di Creta in italiano in cui mettiamo dentro tutto, piano piano e appena ne scriviamo. I nostri alloggi, i servizi, le spiagge, i villaggi da vedere e i servizi da poter prenotare come l’auto o i vari scooter. Mappa di creta alla mano, siamo pronti per partire alla caccia al tesoro.

Come arrivare, muoversi e visitare Creta!

auto a Creta

  1. Arrivare a Creta dall’Italia dovrebbe essere un gioco da ragazzi in aereo. Vedremo nel paragrafo dedicato agli aeroporti da quali nostre città e quali compagnie aeree volano sull’isola.
  2. E se uno volesse evitare l’aereo e viaggiare in nave, magari perché vuole portare il proprio cane con sè, oppure perchè ha paura di volare? Creta non ha navi dirette da e per l’Italia, ma solo per Atene e nello specifico dal porto del Pireo. Per cui prima ancora che per Creta, serve trovare un traghetto per Patrasso, e già solo questo pezzo è lungo. Di solito servono intorno alle 15 ore. Poi rimettersi in marcia e seguire l’autostrada sino alla capitale greca, e poi l’ultimo, faticoso, tratto interno. Le navi da Atene a Creta viaggiano solo di notte e impiegano circa 9 ore per giungere a destinazione. (Qui prezzi e orari). Sono grandi e pulite, viaggiano di solito con qualsiasi mare e costano relativamente poco. Dove si sbarca? Solo ad Heraklion e Chania.
  3. Sciolto il nodo di raggiungere l’isola, sarà tempo di capire come muoversi a Creta. La macchina a noleggio è ovviamente la scelta migliore ed è quella che consigliamo maggiormente. La libertà che regala è impagabile e non dimentichiamo che c’è sempre (almeno) una piccola distanza da percorrere tra un posto e l’altro: non siamo alle Cicladi dove in un raggio di 30km si trova tutto quello che c’è da vedere punto e stop. Potrete affittare la vostra auto a Creta direttamente con noi, tra l’altro con la comodità di non aver bisogno della carta dei credito. Creta è più o meno grande come la Sardegna, per cui optando per questo tipo di vacanza preparatevi a far rullare le ruote. Di solito in una decina di giorni (il tempo giusto che consigliamo per cominciare a conoscerla) si percorrono anche 1000km, in scioltezza. Per chi ha tempo, comunque, ci sono anche i bus e i mezzi pubblici. Ne parleremo nella pagina dedicata alla mobilità cretese.

Come sono le spiagge di creta?

consigli spiagge Creta

A proposito, come sono le spiagge di Creta? Ci proveremo, ma non è possibile rispondere a una domanda così generica. Sono troppe, e troppo varie, per raccontarle in un poche frasi in questa pagina. Basterà sapere che ce ne sono di tutti i tipi. Che alcune sono tra le più famose e belle di tutta la Grecia, e alcune sono addirittura il traino per l’intera regione. Prendiamo Balos ed Elafonissi. Solo per queste due spiagge, negli ultimi anni si è creato un grande chiacchiericcio intorno a Creta ovest. Oppure prendiamo Vai, proprio sul lato opposto: per anni questa spiaggia da sola, grazie alla foresta naturale di palme che cresce alle sue spalle, è diventata un incredibile volano per l’economia di tutta Creta Orientale. Ogni quadrante, ogni angolo di Creta ha un bagnasciuga da Guinness dei primati. Chania ha la spiaggia di Stavros, dove è stato girato quel famoso Zorba che se anche non l’hai visto quante volte l’avrai sentito. Il sud è così remoto e selvaggio, eppure ha isoletta dei pirati, una vera miniera d’oro, Chrissi (che vuol dire oro, appunto, in greco). Io e Katerina abbiamo Orthi Ammos a Frangokastello, ma è più una questione di cuore che una questione di essere la migliore. Il papa di Katerina ama Plakias, e ci si vorrebbe trasferire una volta in pensione. La mamma ha fatto la migliore vacanza della sua vita tra la sabbia di Triopetra e quella di Matala. Chi avrà ragione?

Quando andare a Creta: le stagioni migliori

quando visitare Creta

Quando andare a Creta è una domanda dalle mille risposte. C’è un periodo adatto a tutti e ne abbiamo parlato più approfonditamente nel nostro articolo Meteo a Creta. Qui lo riassumiamo a grandi linee.

  1. Creta in inverno è il paradiso per chi vuole svernare lontano dalle grandi città, avere il mare vicino, avere delle giornate a Gennaio dove i 20 gradi sono la norma. Insieme ad Atene e Salonicco, e tolte le mitiche destinazioni della Grecia classica come Micene, Epidauro, e le Meteore, Creta è l’unica destinazione turistica della Grecia che lavora tutto l’anno. Basta una passeggiata per Chania una domenica di febbraio, e si troverà sempre qualche americano, giapponese, o pazzo italiano come noi che vuole godersi i ritmi semplici e pigri della bassa stagione. E non dimentichiamo: lo Psiloritis e Lefka Ori sono montagne alte oltre 2500 metri: questo è il nirvana greco per lo scialpinismo.
  2. Poi arriva la primavera, che fa capolino sempre abbastanza presto. È un periodo magico per tutti quelli che amano camminare, allacciare le scarpe da trekking e mettersi in moto per km e km. C’è tutto il sentiero E4 che aspetta, percorre tutta l’isola da un lato all’altro. Ci sono le Gole che si gettano dai monti al mare creando una natura che nemmeno in Colorado. Le temperature sono quasi estive, maglietta e pantaloncini corti sono già la regola, e dopo aver camminato si potrà sciogliere la stanchezza con un bel tuffo in mare. E poi di solito saranno già iniziati i voli diretti: quale idea migliore di Creta per festeggiare magari i ponti del 25 aprile, 1 maggio oppure la Pasqua?
  3. La chiamavano estate. Noi la chiamiamo perfezione. È Il tempo in cui tutto si accende, come la temperatura che spesso arriva anche a superare i 40 gradi. Le spiagge si popolano, (ma non tutte… anzi…) le taverne si affollano e i calamari freschi alla griglia riempiono le pance di migliaia di turisti. Tra bagni in ogni dove, passeggiate serali, gite culturali ai siti archeologici e paesini – qui ad esempio abbiamo raccontato di Spili, vicino a Rethymno – che sanno di capra e di montagna, una vacanza a Creta non si dimenticherà mai.
  4. L’autunno è la nostra stagione preferita. I colori impazziscono, la luce piano piano diventa meno accecante e più limpida, i bagnanti ritornano in ufficio. Le migliori taverne sono ancora aperte, i voli sono ancora diretti (di solito Creta è coperta dai nostri aeroporti sino a tutto Ottobre). Le attività agricole entrano in pieno svolgimento con la raccolta delle uve e la diffusione e l’essiccazione dell’uva passa: è tempo di raki! Senza dimenticare la raccolta delle olive, un’attività che coinvolge tutti. Fate ad esempio un salto a Kissamos. Sembra (e in effetti lo fa) che questa cittadina sprema olio per il mondo intero!
    La maggior parte dell’autunno a Creta è ancora estate e il tempo continua a essere caldo e per lo più secco. In questo articolo ci interessa dare idee per un viaggio, ma chi invece volesse togliersi dei dubbi approfonditi per quanto riguarda le previsioni annuali, abbiamo scritto un articolo sul meteo a creta.
le migliori spiagge di Creta

Quale zona di creta scegliere? Le conclusioni di Andrea e Katerina

consigli per visitare Creta

Le grandi città offrono una gastronomia di altissimo livello, una vita notturna eccezionale. Giovane, studentesca e wild nelle località turistiche della costa nord, intelligente, raffinata nei centri più importanti, a portata di famiglia e bambini nella costa meridionale come Lendas e Frangokastello.
Creta è cosmopolita e una vacanza qui significa il confrontarsi con visitatori provenienti da ogni parte del mondo. Magari fare l’Erasmus nelle sue università.
Sono tantissimi poi quelli che decidono di ritornare ogni anno facendone il loro club esclusivo. Andando a cercare le note dolenti, questa popolarità spesso diventa il suo tallone d’Achille. Soprattutto la costa nord è votata a un turismo di massa. La sensazione di trovarsi in un autentico angolo di Grecia sparisce per far posto un divertimentificio in stile Benidorm o Riccione, per intenderci, specie ad est di Heraklion e nell’immediato ovest di Chania.
Volendo evitarlo, però, basta allontanarsi di qualche chilometro, e sarà tutta un’altra musica.
Insomma è inutile girarci intorno, questa incredibile possibilità di scelta, la facoltà di mixare giornate tranquille e feste senza fine, la magica alchimia di potersi inventare una persona diversa ogni giorno rende Creta la destinazione numero uno in Grecia.

tutte le isole greche
Scopri tutte e 74 le isole greche su Grecia Mia