Carrello

Il carrello è vuoto

Subtotale
Acconto (30% del totale)
  • American Express
  • Apple Pay
  • Mastercard
  • PayPal
  • Visa

I rifiuti sono prodotti di valore!

I rifiuti sono prodotti di valore!

Meglio ribadirlo, siamo entrati in un’era in cui i rifiuti sono prodotti, anche pregiati e non certo scarti, magari da bruciare in pseudo “termovalorizzatori” che unica cosa che sanno valorizzare è la percentuale di cancro tra gli abitanti dei dintorni, come tristemente succede troppo spesso..

Dopo il tentativo di Agios Efstratios , la piccola isola del Nord Egeo che tutt’ora si sta impegando per diventare l’isola più ecologica del Mediterrnaeo, completamente libera da combustibili fossili..

Interessante la storia dietro a Laconia Bioenergy, che di questi scarti vuole fare business, sapendo che è molto più facile farlo guadagnandoci qualcosa. Quello che ha di davvero interessante questa società, è che vuole fare guadagnare dai propri rifiuti direttamente i propri sottoscrittori. Oggi i soci sono 7500, l’obiettivo è di arrivare a 90000, o meglio ancora ogni abitante della locale prefettura.
Dati prezzi delle materie da riciclare (il numero uno Argyropoulos spiega che la carta, circa il 20-25% dei rifiuti casalinghi, può fruttare piò meno 50-150€ alla tonnellata, a seconda della qualità, la plastica (20% dei rifiuti casalinghi) frutta 50-350€ /ton, e come il vetro (2.5%) e soprattutto metallo (2%) aumentano le loro quotazioni giorno dopo giorno. Il ferro, ad esempio, può valere anche 260€ /ton, l’alluminio 2,500 € /ton e il rame 4,500-5,000€ /ton.), è facile intuire che più si ricicla, più si vende, più i soci, privati cittadini ma anche amministrazioni comunali, possono intascare una buona somma a fine anno dai dividendi della società, i cui profitti verranno interamente versati.
Soprattutto contando che l’intera prefettura di Laconia, nel Peloponneso , produce oltre 330mila tonnellate di rifiuti l’anno.

Avanti così!!