Carrello

Il carrello è vuoto

Subtotale
Acconto
  • American Express
  • Apple Pay
  • Mastercard
  • PayPal
  • Visa

Riapre il Palazzo di Alessandro Magno a Vergina

aigai palazzo museo

Dopo sedici anni di lavori di restauro e di accurata documentazione, apre al pubblico il sontuoso palazzo reale di Vergina, un tempo Ege (Aigai). Gloriosa capitale della dinastia argeade (quella cui appartenevano Filippo II e Alessandro Magno) regnante sull'antica Macedonia, Ege/Vergina ospitava già il magnifico Museo delle Tombe Reali, custode di tesori davvero unici, e da pochissimo il fiammante Museo Policentrico di Aigai, realizzato per favorire un approccio olistico e dinamico tra il visitatore e l'attrazione culturale.

aigai sito archeologico

Il sito archeologico è stato inaugurato il 5 gennaio dal premier ellenico Kyriakos Mitsotakis, accompagnato nella visita dalla direttrice della Sovrintendenza alle Antichità di Imathia, Angeliki Kottaridi, responsabile del restauro. Kottaridi ha sottolineato l'assoluta importanza a livello storico e architettonico dell'edificio, il più vasto dell'epoca classica, talmente grande da contenere nella sua area ben tre partenoni. Capace di accogliere circa 8000 persone, fungeva non solo da centro amministrativo del regno ma anche da luogo privilegiato per la coesisistenza del sovrano con il suo popolo, come ebbe a dichiarare lo stesso Filippo II che lo fece erigere.

Museo Aigai Palace

È in questo palazzo che Alessandro Magno venne incoronato re nel 336 a.C., dopoché suo padre fu assassinato nel teatro cittadino da qui distante pochi metri. Quelle tessere di mosaico, quei marmi pavimentali, quei rocchi di colonna che hanno assistito alla sua proclamazione in mezzo ad una folla di macedoni entusiasti sono gli stessi che possiamo vedere oggi, bellissimi e luccicanti, nel sito archeologico restituito all'ammirazione di tutto il mondo.

orari museo Aigai
Come arrivare: Posizione sulla mappa 🌍

noleggio auto salonicco

Prenota il tuo hotel a Salonicco su Grecia Mia

Testo: Ilaria Badino - Foto: © Aigai.gr https://www.aigai.gr/en