Carrello

Il carrello è vuoto

Subtotale
Acconto (30% del totale)
  • American Express
  • Apple Pay
  • Mastercard
  • PayPal
  • Visa
Hydra come muoversi e girare

Hydra come muoversi e girare

Come muoversi a Hydra? Scarpe in spalla..

Finalmente un'isola dove le cose sono semplici, e ci sono poche ansie, indecisioni o scelte costose da prendersi. Scoprire come muoversi a Hydra non è niente altro che sapere di dovere andare a piedi, dappertutto e dovunque si voglia. Stop. C'è solo da contare sulla nostra voglia, e sulla nostra energia e curiosità di scoprire gli angoli più remoti dell'isola.

A Hydra ci sarà da muoversi a piedi anche perchè non ci sono strade. C'è solo il bellissimo lungomare che si dipana lungo la costa dal porticciolo e prosegue, caletta dopo spiaggetta, sino alla spiaggia di Plakes. Una passeggiata tra le più belle che ci sia mai capitata di percorrere in Grecia, dove il mare ad ogni angolo luccica di tutti i colori del turchese e del blu più profondo, che te lo senti entrare nello stomaco passo dopo passo. Questa strada passa anche accanto alle spiagge di Vlychos e Avlaki, è lunga circa 3 km e ci si metterà una quarantina di minuti a percorrerla.

Hydra è un'isola nata e fatta per muoversi a piedi. Ci sono molti sentieri e uno di questi parte proprio da Plakes, dove si trova il Four Seasons Boutique, trasformandosi in uno sterrato magnifico che in poco più di 25 km fa addirittura tutto il giro o quasi dell'isola. Ma indipendentemente da questo, trekking e Hydra sono parole che vanno molto d'accordo, anche per raggiungere le spiagge più isolate, come Limnioniza e Klimaki. Escursioni lunghe anche un paio d'ore solo andata, da affrontare con zainetto, acqua e provviste, ma che con un pò di fortuna ci regaleranno anche una spiaggia a disposizione tutta per noi!

La passeggiata più classica per girare Hydra a piedi, però, è quella che con tornanti e una vista sempre più bella sale al monastero di Prophitis Ilias, lassù dove la pace regna sovrana. Ci si arriva dal porticciolo in circa 45 minuti, senza fretta, godendosi il sole e il vento. Imperdibile.

Trasporti locali ne esistono?

Come si fa a parlare di come muoversi ad Hydra con dei "trasporti" quando l'unico mezzo di locomozione è il caro e vecchio andare a piedi? Specifichiamo perchè beh, non è del tutto così al 100%, ma quasi.

Innanzitutto, per girare a Hydra, ci sono ancorati in porto mille caicchi e water taxi, che trasportano un pò ovunque i turisti a caccia di spiagge di buona qualità, che in centro non ci sono. Sono gite in giornata che partono la mattina e fanno rientro nel tardo pomeriggio, alcune barche offrono il pranzo, altre un barbecue d pesce a bordo, insomma, una gran bella esperienza per vivere al massimo il contatto con il mare che solo un'isola senza auto come questa può offrire.

Poi, si potrebbe girare Hydra in bicicletta, uno potrebbe pensare. A Grecia Mia però non pensiamo così.. a che serve? Qui si viene per respirare aria buona, e stare seduti tutto il giorno in spiaggia o a bersi un cocktail nel porticciolo per vedere gli altri cosa fanno. Poi, due passi nei vicoletti dietro il porticciolo per piccole compere o vedere due negozietti. Per questo la bici è inutile. Ci sono altre isole greche ideali per la bicicletta e lasciamo a loro il compito di farci sudare e pedalare.

L’altro mezzo di trasporto pubblico famoso per muoversi a Hydra è l’asino, proprio come a Santorini. Qui ci sono discussioni e scuole di pensiero, ma il succo del discorso è che... non è un mezzo di trasporto! L'asino a Hydra viene ancora attivamente usato per portare ad esempio vettovaglie e rifornimenti ai negozi, ai piccoli minimarket, appena scaricati dalla nave. Carichi pesanti e cartoni di pasta, sughi, o cibi, ma trasportati per una cinquantina di metri, dal molo al minimarket.. oppure verso il retrovia del villaggio per trasportare materiali edili per la ristrutturazione di case ed appartamenti. Nulla di turistico quindi, lasciamoli in pace se possiamo ma facciamogli tutte le carezze del mondo, che portare pesi sotto il caldo delle isole greche è un bel tormento di per sè!