DA FARE E VEDERE A SYMI

La baia di Panormitis, grande e riparata, è il must, anzi IL must per chi decide di visitare Symi. Percorrere la strada in sé vale la giornata, tortuosa, panoramica, profumata da oliveti e pinete, mirti e rosmarini. In fondo alla baia, il grande e famoso Monastero di Taxiarhou Mihail Panormiti, che ne occupa quasi interamente il litorale. Un monastero che venne costruito inizialmente 1500 anni fa, e può vantare una splendida icona in legno di San Michele, e dei meravigliosi affreschi. Sicuramente uno dei più sacri e importanti di tutto le isole del Dodecaneso.
Per chi sceglie di venire in caicco, il consiglio è banale quanto efficace: visitare il monastero e i suoi due musei, tra l’altro molto belli e interessanti, ossia quello bizantino e quello delle tradizioni popolari lontano dalle ore di massimo affollamento.
“Santa e peccatrice”

QUANDO CALA LA SERA…

Parliamo di nightlife. Il centro del divertimento è ovviamente Gialos. Non siamo a Rodi ma neanche in un atollo sperduto, i club e i locali non mancano e si trovano principalmente nelle vie dietro la parte meridionale del porto.
Le notti greche finiscono tardi, e Symi non è isola da fare eccezione.

CURIOSITÀ:

Immobili. Che a Symi si viva bene, meglio di quasi tutto il resto di questa Grecia così provata è confermato dal fatto che il mercato immobiliare viva la crisi molto relativamente. Sono tanti infatti i turisti cha hanno trovato in Gialos la loro seconda eletta dimora, trasferendosi qui tutto l’anno e recuperato qui un equilibrio così difficile da mantenere nelle nostre grandi città.


ciosa visitare a SymiMuseo Marittimo Symi