Quasi tutti si fermano a Myrties/Massouri

Kalymnos si compone di una decina di villaggi sparsi a macchia di leopardo per l’isola, capeggiati ovviamente dalla gradevolissima Pothia.
11000 greci rendono Pothia la terza città più grande del Dodecaneso, dopo Rodi Città e Kos Città. Un paesone vivace, allegro, che ha voglia di pizza a notte inoltrata e ama tarde mattinate, cappuccino in mano, a parlare di politica e vicende di armatori. Lungo la passeggiata a mare si vende di tutto, paccottaglia per turisti e spugne di mare, e la sera non ci si sentirà mai troppo stranieri quanto uno dei tanti cittadini che si gode lo struscio dopocena, facendo due passi in riva al mare e, perché no, concedendosi una buona birra.
Myrties e Massouri sono le zone più strettamente turistiche, ed è qui che soggiorna la maggior parte di chi prenota con i viaggi organizzati. Difficile notare che siano due villaggi separati, dato che sono ormai un tutt’uno, fusi nel segno di auto/motonoleggi, taverne, bar, ristoranti, pub, negozi di souvenir, e ancora negozi. E’ qui il regno degli alberghi che lavorano con la massa di turisti charter dal Nord Europa. Il panorama sull’antistante Telendos è magnifico, specialmente al tramonto, quando la vita sembra fermarsi un attimo, sciogliersi nella vista, per ricominciare a prepararsi piena di aspettative per la serata.

 

cosa visitare a Kalymnos
Myrties
Myrties Kalymnos
Molo di Myrties
Vathy Kalymnos
Vathy