Non serve fare molta strada: Salonicco è a soli 50 minuti…

Kassandra penisola Calcidica

vacanza a Kassandra GreciaKassandra sulla cartina

Kassandra è il primo dito, o penisola, che si incontra, arrivando in autostrada da Salonicco: è quello il più attivo, quello dove d’estate si riuniscono i ragazzi della città per ballare e divertirsi, quello dove si trovano club e ristoranti per tutti i gusti, dove si alternano villaggi ancora contadini e i resort migliori e più lussuosi. Un miscuglio di vite che attrae e diverte.
È una sensazione appunto cangiante, quella che si impossessa del viaggiatore quando si approccia a questo luogo. I primi chilometri sono un misto di campagna, vita contadina che si confonde senza linea di discontinuità con resort anonimi pensati solo per soddisfare la fame di sole e di relax di un turista a null’altro interessato che al far nulla, senza scavare nella realtà della Penisola Calcidica. Ma presto, rettilineo dopo rettilineo, la dolcezza della natura, il disordinato charme dei suoi villaggi, prendono il sopravvento e si capisce che per fortuna, nulla è del tutto perduto e ci si può ancora innamorare di Kassandra. Curva dopo curva, per molti versi Kassandra ci ricorda la dolcezza dell'Argentario, una Toscana dal sapore greco.
Kassandra è così vacanziera, lasciva, spensierata che le si possono perdonare alcune cementificazioni selvagge e senza senso che disturbano non poco l’armonia della costa ovest, quella che si affaccia su Salonicco. Complessi di seconde case spuntati come funghi sui suoi crinali verdi che non riescono comunque ad intaccare la straordinaria bellezza del territorio. Un pò come accade a Creta, specie lungo la costa intorno a Chania. 

 

“La Calcidica più sfruttata turisticamente sa ancora riservare parecchie sorprese. Non sottovalutarla.”

 

Quello che ci interessa dunque è chiedersi se nella prima delle tre dita della Penisola Calcidica sia ancora possibile vivere quella dimensione più umana che rende così unica la Grecia: la risposta è che si, si può.
Man mano che si esplora la penisola, infatti, e la si percorre in tutta la sua lunghezza, si può staccare la spina dalle preoccupazioni del lavoro e indulgere appieno nel paesaggio, così placido, sereno. Il mare mai ondulato, il vento quasi mai presente, il colore dell’acqua sempre splendido e sopratutto sempre così vicino.


A un certo punto un feeling davvero piacevole comincia a prevalere durante il soggiorno e si capisce il perchè della sua popolarità: Kassandra è così, mai troppo affollata, sold out solo quando serve, ossia nei club la sera, e comunque neanche troppo isolata a tal punto da diventare noiosa, anche nei villaggi più a sud. Un punto che tra i viaggiatori italiani sembra sia sottovalutato, visto che la maggioranza sembra preferire Sithonia, è che le spiagge di Kassandra sono magnifiche, a mio giudizio ancora meglio di quelle della penisola vicina, ed entrambe le godono di incredibili panorami, sia su Sithonìa che sul maestoso Monte Olimpo, giusto al di là del mare.
I turisti sono in prevalenza tedeschi, serbi, bulgari. Noi italiani pochissimi, il che ci fa sentire davvero esclusivi.
Non guasta mai.

Come arrivare a Kassandra

Meglio in auto: dall’aeroporto Makedonia di Salonicco (SKG) in meno di 50 minuti si può arrivati all’imbocco della Penisola Calcidica, a Nea Moudania, cittadina di mare senza pretese ma che potrebbe anche essere una buona base logistica. Specie per per chi vuole esplorare nella stessa vacanza oltre che Kassandra anche la successiva Penisola di Sithonia.
In Autobus, i bus di KTEL CHALKIDIKI collegano Salonicco ad ogni piccolo villaggio e spiaggia. Tempi lunghi (circa 2 ore), prezzi onesti. Da notare che le corse non transitano mai dall’aeroporto.

 

noleggio auto Salonicco