Perissa è ben più che una spiaggia

Perissa Beach è probabilmente la più fondamentale tra tutte le spiagge di Santorini. Riparata dal meltemi sul lato sud est dell'isola, si adagia a farsi cullare dalle onde a 15 chilometri da Fira, la piccola capitale di Santorini. È la più popolare, una delle più gradevoli, quella dove si trovano i migliori beach bar e gli alloggi dal miglior rapporto qualità prezzo. Non solo, Perissa è anche un luogo vissuto, un piccolo paesino dal sapore completamente diverso dalle altre località di Santorini. Quello più a contatto con il mare. Perissa non si è, per così dire, contaminata con la febbre di lusso che ha corroso l’identità una volta rurale di Santorini. Per molti versi, Perissa è rimasta umile, disordinata, ruvida. Perissa ha capito che il trucco è una battaglia persa quando c’è il salino ad aggredirti, estate come inverno. Meglio non barare e farti vedere subito per come sei, con le tue rughe, la tua bellezza appena sgualcita. Perissa ci tiene ad apparire acqua e sapone, è il suo stile. Bellezza diretta e non elaborata, con quella sua spiaggia luccicante dove la sabbia d'argento ruba fertilità alla terra e a strade sterrate, a campi di fichi d'india e muretti di campagna. Raccolto intorno alla chiesa, poi, quando il mare non ha più la forza di opporsi alla montagna che lo sovrasta, appare un piccolo villaggio, fatto di vecchie case sparse di pescatori mescolate a piccoli studios e alberghi a gestione famigliare. Perissa finisce così, all'improvviso, quando ne vuoi di più e ti lascia interdetto, lontano. Non resta che fermarsi emozionati a guardare il mare, ed aspettare il tramonto.

le spiagge più belle di Santorini
Perissa beach

A Perissa non manca nulla

Santorini è una destinazione di massa e certo, ci sono anche i mega villaggi all-inclusive. Ma sempre al massimo a due/tre piani, ben mimetizzati e che mai stravolgono la quiete di un villaggio remoto di un'isola che ha vissuto la povertà prima della ricchezza portata dal turismo. Tanti scelgono Perissa per i prezzi, dicevamo, perché dormire qui costa meno che sul filo della caldera, dove si paga un euro ogni sguardo che di sfuggita si lancia verso il mare. Ma pensare Perissa come un ripiego è sbagliato, anche e soprattutto concettualmente. Perissa è il mare di Santorini. Affermazione audace, viste le altre spiagge che le fanno concorrenza, Kamari e Vlychada in primis. Che per noi però non raggiungono la sua perfezione. e la sua completezza. Perissa infatti non si fa mancare nulla tra ombrelloni, lettini, sdraio, water sports, ristoranti, cocktail bar, aperitivi, piscine, moto d’acqua, bagnini muscolosi e bikini che quasi si vergognano di nascondere forme perfette. Perissa è così, ha tutto, pure la fama: tra le “spiagge nere di Santorini” - e sono tante - vedrete che la "spiaggia nera” per eccellenza è proprio lei.

Prenota i nostri alloggi preferiti a Santorini:

Cosa vedere a Perissa

La scenografia di Perissa è perfetta: il mare ha la fortuna tutto d’un colpo di interrompersi sotto la mole di Mesa Vouno, (“montagna in mezzo” tradotto dal greco) la più alta di Santorini. Mesa Vouno è una montagna bellissima, davvero imponente e che divide in due questo lato dell'isola, piazzandosi a cavalcioni tra Perissa da un lato e Kamari dall'altro. Un regno di roccia a picco sul mare aggirato con puntuale determinazione dai taxi boat, che fanno la spola circa ogni mezz'ora tra le due località e che ospita anche l’Antica Thira, l’insediamento più antico di Santorini.

  • L’Antica Thira è una città risalente a circa 3.000 anni fa, ancora non del tutto portata alla luce. Gli scavi non sono ancora terminati e se ne parla poco, perché è difficile da raggiungere. Ci sono da salire (solo a piedi) un paio di km di sentiero e quasi 300 m. di dislivello. Generalmente il sito chiude alle 14.30 ma vale comunque la pena anche la sera, verso il tramonto, per le viste di Kamari e Perissa. L’inizio di questo bellissimo (ma faticoso) percorso parte dal grande parcheggio pubblico dietro la cattedrale di Perissa.
  • In cima a Mesa Vouno, c’è anche il mistico monastero di Profitis Ilias. Un'escursione imperdibile e da raggiungere comodamente in macchina, grazie a una panoramica e vertiginosa strada che sale oltre decisa a sfidare le nuvole subito dopo il villaggio di Pyrgos.
  • Da vedere a Perissa è poi la Chiesa di Santa Croce, una tra le più grandi e importanti chiese di Santorini. Colpisce subito lo sguardo, con la sua cupolona blu e la sua dimensione ragguardevole. Situata nella piazza centrale di Perissa, proprio dietro la spiaggia, fu costruita originariamente nel 1835-1840, e ricostruita dopo un grave terremoto nel 1956. Il periodo migliore per visitarla è il 14 settembre, quando si festeggia con un grande “panigiri”, ossia la sagra a lei dedicata. Una festa che coinvolge davvero tutta la comunità isolana e non solo i pochi, ma fortunati, residenti in pianta stabile di Perissa.

Perissa

Sabbia Nera

Parliamo adesso di vita da spiaggia, di ozio e di bagni. Perissa Beach è forse la migliore spiaggia per andare al mare a Santorini. La sabbia è nera come una polvere di carbone, fine e “borotalcosa”. L'acqua del mare è trasparente, pulita, calda e mai agitata. Se è vero che a Santorini è difficile scorgere i colori cristallini e paradisiaci a cui le Cicladi ci hanno abituato altrove, è anche vero che fare il bagno a Perissa tra la cenere di vulcano è un piacere per i cinque sensi. Appaga il tatto, non tralascia la vista. E poi con i suoi quasi 8 km di lunghezza, Perissa ha posto per tutti, mai troppo affollata anche in alta stagione. Ognuno avrà il suo modo di poter stare in spiaggia. Ci sono lettini, sdraio, ombrelloni, box che possono ospitare tutta la famiglia. Beach bar che pompano musica e altri talmente pigri da non aver la voglia di attaccare casse e amplificatori alla presa di corrente. Per noi Perissa è bere un caffè freddo con la brezza marina che sfregola la paglia dell'ombrellone, in una luce di cristallo. Perissa, almeno fino a mezzanotte, è anche un posto dove i ragazzi e i giovani potranno tirar tardi la sera, anche se non ci sono veri e propri club (per quello meglio allontanarsi vero Perivolos). Perissa è una spiaggia per le 24 ore, ci si viene per fare colazione e ci si ritrova nel bar di fianco a cenare, con l'orecchio agganciato al frizzante rollio delle onde.

Perissa

Perissa Centro

Il centro di Perissa è praticamente una T, la barra sopra della lettera rappresentata dal mare. La strada principale arriva da Fira, scende da Megalochori e termina qui, lasciando due opzioni: si potrà svoltare a sinistra, dietro la cattedrale, oppure a destra. A sinistra la strada termina quasi subito, facendo giusto in tempo a creare un caratteristico lungomare, stretto tra la montagna e una carrellata di ristorantini. A destra invece, sempre avendo il mare di fronte, inizia la spiaggia di Perissa vera e propria. Qui si trova la successione di tutto quello che Perissa ha da offrire dal lato dei divertimenti: stabilimenti balneari ad ingresso libero (con consumazione obbligatoria o piccola quota per l’utilizzo di lettini ed ombrelloni, max €10 a persona). Lungo la spiaggia è un piacere passeggiare oppure fare due pedalate in bicicletta, specie la sera quando il lungomare diventa pedonale ed è chiuso al traffico. Non essendo comunque una via di passaggio, c'è sempre molta tranquillità: questo lato di Perissa è ideale anche per correre o fare due passi con il passeggino, per i neogenitori.
Descrizione finale per la strada principale, quella che da Perissa sale ad Emborios e poi alla rotonda che instrada verso Thira, Kamari o Akrotiri. Qui si trovano il supermercato, alcuni pub, il forno, piccoli negozietti di ogni genere. E' il luogo in cui si sbrigano le faccende, posteggiando a bordo strada.

Perivolos Beach

Perissa ha una sorella gemella. Si chiama Perivolos Beach ed è come se fosse la sua dimensione più intima, alla buona, più timida. Non è mai chiaro dove inizia una e finisce l'altra, basta sapere che quando la spiaggia di Perissa è troppo piena, basta spingersi qualche km più in là, Perivolos aspetta tranquilla. Senza dire niente, senza farsi trovare, senza farsi notare. Non ha un centro, non ha un paese. Aveva molti campi, alcuni dei quali resistono e offrono riparo a gatti e cani randagi. Gli altri, la loro terra ha fatto spazio a studios, appartamenti e resort: si sono sacrificati per offrire i più deliziosi frutti di stagione ai loro padroni, gli abitanti di Santorini affamati di vita e di lavoro. Ci piace fare il bagno a Perivolos, non aver pretese, c'è un'acqua pulita, con quel giusto numero di bar intorno. Una spiaggia per non farsi mancare nulla e per desiderare che le giornate passino le più lente e le più pigre possibile, senza alcun desiderio che veder baluginare un delfino tra le onde.

Perivolos Santorini
La spiaggia di Perivolos

Come arrivare a Perissa

Posizionata com'è come in un cul de sac, per arrivare a Perissa si deve attraversare buona parte dell’isola. Un piccolo viaggio in cui automaticamente, e anche distrattamente dai finestrini del bus, si fa conoscenza con la vera Santorini. Si scopre magari con sorpresa che c’è turismo ma altro ancora. C’è da attraversare Emborios, dove vivono i locali, e che tiene fede al suo nome greco (ossia mercato, luogo dove fare le compere). Si passerà a fianco di cave e vinerie, vigneti, supermercati costruiti in equilibrio sulla caldera (beato chi deve fare spesa tutto l’anno con questa vista!). Perissa è lontana dal centro ma non troppo. Si trova a soli 15 km dalla piazzetta principale di Thira, 13 dall'aeroporto e 12 dal porto (Athinios). Il luogo più distante da Perissa è Oia, a circa 27 km e praticamente posizionata all'estremo opposto dell’isola. Gli autobus per Perissa partono tutti da Thira, tranne alcuni dal porto, e raggiungono Perissa e Perivolos con ottima frequenza. Gli orari sono disponibili al sito di Ktel Santorini. Sono quasi sempre stracolmi, e non è raro siano così pieni da costringere ad attendere il bus successivo. Visto che poi molto oltre la mezzanotte non vanno, non è una brutta idea quella di noleggiare un’auto in modo da essere il più indipendenti e comodi possibile.
Perissa Santorini
Perissa

Andare in giro

Una volta arrivati a Perissa, per la maggior parte si potrà andare in giro a piedi. La spiaggia è lunga ma sempre accessibile, ampia, spaziosa, e tutto è nelle sue immediate vicinanze. Muoversi a Perissa significa spesso solo guardarsi in giro per trovare il proprio stabilimento/ristorante preferito prima di fare il bagno, e camminare una manciata di minuti per tornare in hotel. Attenzione alla strada principale, quella non pedonalizzata la sera: non ci sono marciapiedi, i piccoli sempre mano nella mano. La municipalità di Santorini viene comunque in aiuto, perché la maggior parte della strada lungo la spiaggia è chiusa al traffico tutti i giorni dalle 17:00 alle 5:00, da maggio a ottobre. In ogni caso, per coprire le distanze più lunghe, con noi di Grecia Mia è facile noleggiare uno scooter a Perissa, ma questa è una passeggiata davvero piacevole anche in bicicletta. Si può partire da Perissa beach e poi proseguire lungo il mare sino a Perivolos per poi spingersi sino a Vlychada, tutto in piano e generalmente con poco traffico. Che modo fantastico per muoversi a Perissa!

Ristoranti a Perissa

Ci piace fermarci a mangiare a Perissa. Possiamo anzi dire che il lungomare tra Perissa e Perivolos è il posto che preferiamo in assoluto per andare a cena a Santorini, sia per uno spuntino veloce, che per una serata di gala. Si può mettersi la camicia e farsi aprire un bianco dell'isola in riva al mare, ma anche sedersi sulla sabbia e gustarsi una pita gyros da €3 con una lattina di birra. Non sarà facile scegliere dove andare a mangiare, perchè a Perissa ci sono veramente molti ristoranti, e di tutti i tipi. C'è quello che noi chiamiamo tipo "trappola per turisti", dove mangiare moussaka ascoltando il solito sirtaki, ma anche il locale di cucina etnica, messicana, cinese, thailandese o italiana. C'è la fila di taverne un pò demodè, che troverete giusto dietro la chiesa sulla sinistra guardando il mare, dove si servono porzioni abbondanti, chili di patatine fritte e cestini di pane con burro, per il piacere dei nordeuropei. Ma anche ristoranti più sofisticati, che pagano attenzione alla location e al design dell'arredamento. Si trovano perlopiù guardando il mare sulla destra, ormai a Perivolos. Interessanti un paio di vecchie fabbriche abbandonate ora riadattate a ristorante. Un modo unico per cenare con un feeling post-industriale in un'isola greca,e chi l'avrebbe mai detto?

Dove dormire a Perissa

Perissa è in definitiva uno dei posti migliori a Santorini per fermarsi a dormire, vuoi per la bella spiaggia, vuoi per i servizi che offre, vuoi perché è inserita nella zona più “balneare” di tutta Santorini. Da qui è un’attimo portarsi in tutte le spiagge più importanti e più belle dell'isola, alla Red Beach, ma anche a Vlychada, Kamari ( più facile con il taxi boat che in macchina o scooter), la Black Beach e via dicendo. In 5 minuti di motorino si sale a bordo caldera, in 15 al faro di Akrotiri. Scegliere un hotel a Perissa durante il proprio soggiorno a Santorini significa puntare sulla località dove per i soldi spesi si ottiene di più. Non a caso è anche la località dove è più facile andare al mare a piedi, con una facile passeggiata e senza nemmeno curarsi di salire su un mezzo appena usciti dalla camera la mattina. Se vi abbiamo convinto, date un'occhiata alle strutture che abbiamo selezionato in zona. Ce ne sono sia con angolo cottura, che con colazione inclusa. Con piscina, e con camere da letto separate. Più di lusso, e spartane per una notte e via. Buone vacanze a Perissa, augura Grecia Mia!