Creta spiagge

Racchiudere in un articolo solo tutte le più belle spiagge di Creta. Dipanare i suoi 1046 chilometri di linea costiera e riavvolgerli sul filo della memoria. Le spiagge di Creta sono troppo di tutto, anche per gli aggettivi. Bellezza sconvolgente, rocce, montagne, mare schiumoso che sembra voler far nascere Venere da una conchiglia e invece nella conchiglia rinchiude te. Uscire dal guscio in cui Creta ci ha intrappolato, giuriamo, non è stato facile. E detto tra noi, non siamo mica sicuri di avercela fatta del tutto. 

Vietato avere ingordigia

Dopo il primo viaggio, ne abbiamo fatto subito un’altro e così fanno tutti, perchè le spiagge di Creta creano dipendenza, e sono come le proverbiali ciliegie. E allora vanno assaporate piano, senza aver pretese di fare il bagno in tutte in un colpo solo. Le distanze sono importanti ed è vietato sottovalutare il numero di chilometri da percorrere, anche perchè sono sparse ai quattro angoli dell'isola. Fortuna nella sfortuna: comunque si imposti l’itinerario, ci attende una scorpacciata di tuffi tra stelle marine e nidi tartaruga. 

Creta - spiagge di Chania

Balos Creta

a. Balos

Non esiste spiaggia più chiacchierata di Balos in tutta Creta. Dicono “è una laguna”, dicono “non andarci, troppo casino”, dicono che “ha il mare caraibico ma è invivibile”, che “la strada non è praticabile”, insomma, a chi credere? Meglio a nessuno. Non si potrà capire Balos prima di esserci stati sul serio, prima di aver viaggiato sullo sterrato che la raggiunge da Kissamos, senza aver disceso il sentiero che la raggiunge di primo mattino per assicurarsi di essere i primi arrivati. Balos è un’attrazione metafisica, Balos è un paesaggio di Easy Rider: più un luogo dell'anima che della terra, dove i confini non significano nulla.
  • Chi ci va?
    Balos è una cartolina per la massa, va accettato. Ci vanno tutti coloro che non è solo il mare, ma la possibilità di vivere un luogo “che fa Creta” come forse solo il palazzo di Cnosso può fare.
  • Cosa c’è da fare?
    Camminare, camminare, camminare! Solo questo basterebbe per innamorarsi di Balos, scendere quella collinetta, avvicinarsi a quel mare passo dopo passo. E poi giocare, incrociare gli sguardi e stupirsi che una spiaggia così possa esistere per davvero.
  • Come ci si arriva?
    Da Kissamos è un gioco di scelte: ci sono varie navi, a diversi orari della giornata, mattino, mezzogiorno, sera. Sicuramente è il modo più comodo, ma anche quello meno adatto a chi di Balos volesse apprezzare in tranquillità il silenzio e la grandiosità della scena. Per loro, il meglio è percorrere la strada sterrata, che tra buchi e pietrone arriva senza fretta alla collinetta da cui scendere alla spiaggia.
  • Costa: nord
  • Aeroporto: Chania

Glyka Nera Creta

b. Glyka Nera 

Glyka Nera è una delle spiagge più belle di Creta e forse dell’intero mondo delle isole greche. Glyka Nera ha una grande fortuna, non possedere nessuna strada asfaltata che la raggiunge. La si conquista solo a piedi tramite un facile ma irto sentiero poco distante da Chora Sfakion, oppure in caicco, da qui e da Loutro. Glyka Nera, che in greco significa “acque dolci”, è un paradiso di mare con una caratteristica unica, l'avere una sorgente di acqua dolce che guizza via tra i ciottoli della spiaggia. Stretta tra la montagna circostante, un bagnasciuga decisamente cristallino e accarezzata dal dolce scirocco che soffia costante sul mar libico, Glyka Nera è un gioiello puro tra le spiagge di Creta.

  • Chi ci va?
    Avventurosi e curiosi avranno le loro soddisfazioni, e guarderanno soddisfatti gli invidiosi che si limitano a vedere la spiaggia sul traghetto che collega Agia Roumeli e Loutro a Sfakia.
  • Cosa c’è da fare?
    Mai sognato di aprire una taverna sulla spiaggia? Quella di Glyka Nera è addirittura una rudimentale palafitta costruita sulle onde, che sballottola irridente mentre aspettiamo il nostro piatto di sardine alla griglia.
  • Come ci si arriva?
    Ci sono due modi per arrivare a Glyka Nera, in barca e a piedi. In entrambi i casi si parte da Loutro e Chora Sfakion, e in entrambi i casi si fa prima partendo da Loutro.
  • Costa: sud
  • Aeroporto: Chania

Creta spiagge

c. Frangokastello

Nominiamo tra la nostra selezione delle migliori spiagge di Creta quella di Frangokastello per svariati motivi, non legati soltanto all’esperienza “spiaggia”. Io e Katerina siamo molto legati a tutta l'area di Frangokastello, tanto che pensiamo sia la “zona più bella di Creta” e che non si possa lasciare l’isola senza prima essere passati di qua per almeno un paio di notti. Magari per assistere a strani avvenimenti nel suo forte veneziano:

Oltre alla spiaggia principale, poco vicino c’è quella di Orthi Ammos, dalla sabbia bianca, ma sopratutto dalla incredibile di libertà. Provare a correre lungo il mare al tramonto per credere.

  • Chi ci va?
    Frangokastello è un paradiso per coppie e famiglie. Per gente tranquilla, che ama posti tranquilli e remoti, dove la compagnia di un buon bicchiere di vino greco e un piatto di apaki, la carne affumicata tipica cretese, vale più che un ben fornito conto in banca.
  • Cosa c’è da fare?
    Oltre ad andare a caccia di fantasmi e misteriose nebbie mattutine, la zona di Frangokastello offre innumerevoli occasioni di fare il bagno in spiagge fantastiche. Anche se il meglio è Orthi Ammos, al tramonto.
  • Come ci si arriva?
    Basta atterrare a Chania, prendere l’autostrada per Heraklion, e a un certo svoltare a destra e cominciare a salire, per scavalcare con audacia i Lefka Ori, le Montagne Bianche. Il resto è una discesa nella tana del bianconiglio.
  • Costa: sud
  • Aeroporto: Chania

Creta spiagge elafonisi

d. Elafonissi

Elafonissi è una delle più belle spiagge di Creta ma sopratutto, insieme a Balos, la più popolare. Elafonissi è una di quelle spiagge che da sola attira il viaggiatore verso Creta, e la sua sabbia rosa è costantemente votata tra le migliori al mondo dalle riviste specializzate. Il fondale è talmente basso, la sabbia talmente spettacolare, i colori talmente caraibici, che è inevitabile sia sotto tutti i riflettori. Il che, nonostante sia davvero isolata, a quasi due ore di macchina dal resto del mondo, è davvero notevole. Solo per un bagno ad Elafonissi, ore e ore di strada, e km di curve. Un’idea che consigliamo per vivere al meglio questo spazio davvero selvaggio di Creta è quello di raggiungerla a piedi: ecco come muoversi da Paleochora a Elafonissi. Un itinerario che tra l’altro tocca anche..

  • Chi ci va?
    Tutti e nessuno - Elafonissi è uno dei luoghi più presenti nell'immaginario collettivo di tutta Creta occidentale. Ma potrà essere condiviso con nessuno, dopo il tramonto, quando tutti i gitanti di giornata se ne vanno e lasciano la spiaggia a chi veramente la possiede, le conchiglie e la risacca.
  • Cosa c’è da fare?
    Scendere sulla sabbia zuccherata, e sentirla sotto i piedi, granello dopo granello. I windsurfer non apprezzeranno molto la loro attrezzatura qui, perchè l'acqua è generalmente piatta, e il vento (se presente) sempre leggero, rendendo Elafonissi una delle spiagge di Creta meno ventose in assoluto.
  • Come ci si arriva?
    C'è solo un autobus giornaliero di mattina da Chania in stagione, oltre a gite in barca (circa alle 10 del mattino) da Paleochora; altrimenti la macchina, tramite la quale serve circa un’ora e mezza da qualunque punto di partenza.

Creta spiagge

e. Kedrodasos

La fantastica spiaggia di Kedrodasos, in greco “il bosco dei cedri”, è la versione in miniatura di Elafonissi. Noi la preferiamo, perchè è più tranquilla, più lontana, più silenziosa e altrettanto bella. Speriamo Kedrodasos rimanga sempre tale, perchè è forse il luogo dove si può immaginare maggiormente com'erano le spiagge di Creta prima dell’avvento del turismo. Natura non artefatta, tanto bella da sembrare uno scherzo. L’ambiente è aperto e scenico, la sabbia lascia spazio anche a delle formazioni pietrose perfette per posare l’asciugamano. Ideale anche per gli amici naturisti, e per chi ama lo snorkelling.
  • Chi ci va?
    Quelli che amano Elafonissi, ma cercano quello che era alcuni decenni fa, prima che tutti la conoscessero e la bramassero. Kedrodassos è popolata da escursionisti e a volte da nudisti, amanti dello snorkelling e della pesca con la fiocina.
  • Cosa c’è da fare?
    Si può portare una tenda, ripararsi sotto un cedro, dormire, leggere, sentire l’aria marina in fronte e filosofeggiare. Oppure portarsi un kite e sfidare la brezza.
  • Come ci si arriva?
    La spiaggia di Kedrodasos si trova lungo il sentiero E4 che corre nel tratto da Paleochora a Elafonissi. In entrambi i casi, non è una camminata troppo lunga, nè difficile, più facile affrontarla da Elafonissi.
  • Costa: ovest
  • Aeroporto: Chania

Creta spiagge

f. Falassarna

Falassarna completa il “tridente d’attacco” delle più importanti e conosciute spiagge di Creta della zona ovest.  Balos-Falassarna-Elafonissi. Tre bomber, campionesse del mondo. Chiunque prenoti un volo per Chania non dovrebbe per nessuna ragione salire sul volo di ritorno senza aver pucciato il costume in ognuna di esse. Falassarna è la più “civilizzata” delle tre, con una comoda strada per raggiungerla, a pochi minuti da Kissamos. D’inverno, lo si scoprirà subito, questa spiaggia vive con una incredibilmente florida economia di agrumeti ed oliveti. Falassarna è molto spaziosa, ha un mare spumoso ed invitante. Ci sono alcuni alloggi, altrettante taverne, rendendola anche una base ideale per il soggiorno, e spostarsi giorno per giorno verso Paleochora, verso Sougia.

  • Chi ci va?
    Gente che ama il massimo con poco. Vicinanza ai centri principali, servizi essenziali, mare senza compromessi. Falassarna, lontana abbastanza dalle luci brillanti ma allo stesso vicina a sufficienza per approfittare del loro bagliore.
  • Cosa c’è da fare?
    Non molte spiagge vantano un vero e proprio sito archeologico “a disposizione”, ma Falassarna lo fa. L'antico insediamento di Phalasarna, infatti, si trova a circa un chilometro, ed era un importante porto dell'era ellenistica, distrutto dai Romani nel 68 a.C. circa per connivenza con la pirateria. Dopo la storia, si potrà ritornare al presente con lo sport. Quella di Falassarna è una delle spiagge di Creta più attrezzate per le varie attività.
  • Come ci si arriva?
    Da Kíssamos, la strade asfaltate si snodano sulle colline attraverso il villaggio di Platanos, e poi scendono ad ampi tornanti su questa spiaggia infinita.
  • Costa: ovest
  • Aeroporto: Chania

Creta spiagge

g. Gavdos - Agios Ioannis

In realtà, non sappiamo se sia corretto inserire in un articolo dedicato alle “ più belle spiagge di Creta” anche una di Gavdos. Siamo pur sempre su un’isola diversa! D’altro canto, Gavdos è Creta a tutti gli effetti. Solo una Creta incredibilmente più selvaggia, lontana, anche e soprattutto nell'immaginario. Ci sono spiagge fantastiche, e quella che preferiamo è ovviamente Ai Giannis, San Giovanni. Uno spettacolo di enormi dune di sabbia che si gettano direttamente in mare, puntellato da cedri e rocce, ambiente naturale protetto, non ancora toccato, non ancora civilizzato. Alcuni uomini vengono qui e ci abitano, addirittura. Chiamali hippie, chiamali punk, chiamali liberi. Ancora oggi esiste qualcuno che si costruisce una grotta su una spiaggia, colleziona pietrine e piccoli oggetti per scaldarsi, e la chiama casa. Non è incredibile?  

  • Chi ci va?
    Nessuno arriva a Gavdos per caso. Non è proprio possibile, vista la posizione. E quindi, su questa spiaggia ci vanno quelli che hanno avuto cuore, polmoni, tempo e fiducia di arrivarci. Tra loro, molti campeggiatori, e tanti spiriti antagonisti.
  • Cosa c’è da fare?
    Non bastasse l'acqua calda e azzurra come un sogno, ci sono le dune da scoprire, passeggiate tra i cedri e sul sentiero che conduce ardito alla spiaggia successiva di Lavrakas, dove il naturismo è la soluzione a tutti i problemi del mondo.
  • Come ci si arriva?
    Dopo aver scoperto come arrivare a Gavdos, e aver recuperato l’essenziale motorino per muoversi sull'isola, la spiaggia di Agios Ioannis si raggiunge con poca fatica proseguendo oltre Sarakiniko, con un piccolo tratto finale a piedi in un entusiasmo di sabbia e cedri
  • Costa: a sud della costa sud :)
  • Aeroporto: Chania

La nostra selezione di alloggi a Creta:

 

Creta - spiagge di Rethymno

Creta spiagge palme

a. Prevelis

Ci sono due spiagge di Creta ad essere legate più al mondo delle piante che a quello del mare. Perchè la loro caratteristica è quella di avere una piccola foresta di palme alle spalle. Stiamo parlando di Prevelis e Vai, di cui parleremo tra poco. Tra le due, Prevelis aggiunge un tocco di esoticità in più: c'è un fiume che scende dalla gola retrostante e si butta in mare, creando un ambiente così unico da renderla una delle più iconiche spiagge di Creta. Il fiume, sul retrospiaggia crea un piccolo lago, dove l'acqua dolce entra in mare così da renderlo fresco anche quando fuori dall'acqua ci sono 40 gradi. Il jolly? Un bellissimo antico monastero poco più in alto, come a benedire il nostro divertimento.

  • Chi ci va?
    Quella di Prevelis è una delle spiagge di Creta più famose, visitata ogni anno da migliaia di turisti. In estate non si può certo pretendere solitudine, ma fa parte del gioco. Molti si limitano comunque a viverla solo per poco, dall’alto, e altri si fermano giusto il necessario in cui si fermano i caicchi che la raggiungono.
  • Cosa c’è da fare?
    Una giornata in spiaggia di Prevelis significa non solo mare, ma anche una camminata per il suo bosco di palme, e magari anche su per la Gola retrostante, in cerca di refrigerio quando il sole si fa troppo caldo.
  • Come ci si arriva?
    Si arriva a Preveli Beach da Plakias in macchina, parcheggiando oltre il monastero e poi scendendo per circa 15-20 minuti lungo un sentiero segnalato, con una vista spettacolare sulla spiaggia sottostante. Altrimenti c’è un secondo parcheggio dietro la spiaggia, a circa 10 minuti a piedi, dove è difficile parcheggiare. Ultima alternativa, piccoli taxi-boat e caicchi da Plakias e Agia Galini.
  • Aeroporto: Chania ed Heraklion
  • Costa: sud (provincia di Rethymo)

Creta spiagge triopetra

b. Triopetra

Triopetra, ossia “delle tre pietre” è la nostra preferita tra le spiagge di Creta della provincia di Rethymno. L’abbiamo visitata la prima volta durante un nostro soggiorno a Spili, uno dei più gradevoli villaggi di montagna che possano esistere, ma a nemmeno una decina di km dal mare. L’isola qui infatti è nel sul punto più “stretto” e questo significa che è possibile muoversi agilmente tra le due coste. Triopetra è uno spettacolo che appare all'improvviso dopo aver attraversato ambiente brullo, arso dal calore, addormentato, e che aspetta solo di essere svegliato dal colpo di colore della spiaggia. La parte vicino alla taverna è attrezzata, intervallata ad ampi tratti liberi, e ancora roccette, sabbia, faraglioni.

  • Chi ci va?
    Triopetra è anche una delle più amate dai greci tra le spiagge di Creta della provincia di Rethymno. Molto amata dai turisti ma anche dalla gente del luogo, che intervalla il tempo libero tra qui e la vicinissima Agios Pavlos.
  • Cosa c’è da fare?
    Ampi spazi, sabbia bianca e fine, taverne sulle spalle sono ottime basi per famiglie, per far giocare i bambini e rilassare i grandi. Una giornata a Triopetra significa sopratutto tanto divertimento e serenità in compagnia del grande Mare libico, un caro amico che ti fa sempre stare bene.
  • Come ci si arriva?
    Triopetra si trova a circa 50km a sud di Rethymno, collegato con una strada asfaltata e semplice.
  • Costa: sud
  • Aeroporto: Chania e Heraklion

c. Rethymno Beach

Si parla sempre di spiagge particolari, vuoi per le palme, vuoi per la sabbia polinesiana, vuoi per imponenti formazioni rocciose che rendono unico il panorama. Nella spiaggia di Rethymno non c’è nulla di tutto questo. Qui invece, c’è semplicemente la bellezza della vita di mare, ma in piena città. Lo “spiaggione” di Rethymno, proprio a lato del piccolo e concentrato centro storico della città, sembra uscito da una highway americana, come fosse una Miami South Beach in miniatura. Mancano Pamela Anderson e Mitch Buchannon, ma non li cambieremmo con i nostri classici Georgos e Angeliki. La sabbia è bianca e morbida, e anche se il mare non è cristallino come quello a cui abitua la costa sud cretese, è valido abbastanza da passarci giornate intere e magari anche nottate tra birra e amici.

  • Chi ci va?
    Molti sostengono che la provincia di Rethymno sia la più strategica di tutta Creta, e noi siamo d’accordo con loro. La costa nord è un teatro di grandi strutture che attraggono turisti da tutto il mondo, e che spesso non prendono nemmeno la macchina e si fermano qui: perchè andare oltre, una volta raggiunta la perfezione? Anche perchè se spesso piena di gente, non dà mai la sensazione di essere affollata.
  • Cosa c’è da fare?
    Una spiaggia come questa ha tutto: lettini, ombrelloni, watersports, bar, taverne, hotel, bagnini, autobus, campi da beach volley, cabine. Tocca a voi decidere cosa volere.
  • Come ci si arriva?
    Semplice semplice, Rethymno è a metà strada esatta tra i due aeroporti principali di Creta ossia Chania e Rethymno. La sua quindi è una delle più facilmente accessibili tra le spiagge di Creta.
  • Costa: nord
  • Aeroporto: Chania e Heraklion

    Creta - spiagge di Heraklion

    creta spiagge

    a. Matala

    Uomini come a Matala, negli anni '60 e a seguire, si trovavano un pò ovunque nel magico e frastagliato mondo delle isole greche. C’era quel nuovo modo di vivere, la controcultura, che oggi ci ha reso ancora più schiavi (e soli) tramite l’illusione di un effimera libertà, ma all'epoca non lo si sapeva. Matala era il centro di questa rivoluzione. Tomorrow never comes, si legge a caratteri floreal-cubitali dietro la spiaggia di Matala. Oggi l’anarchia, l’essere hippie, a Matala è uno scherzo, e un business, che aiuta a vendere magliette. Ma è rimasto qualcosa della vecchia mentalità? Qualcosa che il denaro non abbia corrotto? Certo. Il mare, sempre lui. Matala è indiscutibilmente una delle più belle spiagge di Creta e dovresti visitarla a prescindere. Non avevamo mai visto una spiaggia così, con quelle caverne, quella sabbia è dorata, di quella granulosa che ci piace tanto e non ti si appiccica addosso, quel paesino dietro che si accende ad ogni tramonto di un desiderio che non si vuole spegnere.
    • Chi ci va?
      Matala ha perso molto della sua aurea alternativa, sparita un’utopia, la ha sostituita con un’altra, diversa nei modi ma identica nello scopo: vivere così, sul mare, lontano dallo stress e vicino al sole. Si troveranno molti pullman, gite e tour organizzati per i turisti dei grandi hotel all-inclusive della costa nord, ma anche tanti turisti indipendenti che non possono perdere l’eterna bellezza delle scogliere di Matala durante il loro tour itinerante alla ricerca delle spiagge più belle di Creta.
    • Cosa c’è da fare?
      La spiaggia di Matala è solo uno splendido extra. Quello che la rende speciale sono invece le grotte nella scogliera che dominano la spiaggia, millenarie tombe di età romana e cristiana. Portate a nuova vita dagli hippies negli anni 70,  al motto di “tomorrow never comes”, ci si viveva, si faceva l’amore, si immaginava un mondo nuovo. Oggi, dalla vita reale tutto questo si è trasferito sulle magliette in vendita nei negozi della cittadina, in perfetta coerenza con la materializzazione del tutto.
    • Come ci si arriva?
      Posto sperduto in mezzo al nulla negli anni 60, ora Matala è facilmente raggiungibile spostandosi in macchina da Heraklion verso la costa sud di Creta. L’autobus ha varie corse anche da Heraklion appunto, ma dotarsi di mezzo proprio è altamente consigliato.
    • Costa: sud
    • Aeroporto: Heraklion

    Creta - spiagge di Lassithi

    a. Vai

    Mode. Vanno e vengono. Esplodono e ritornano. I primi anni, agli albori di Grecia Mia, c’era una soltanto tra le spiagge di Creta ad essere sulla lista dei desideri di viaggiatori. Ed era Vai. La dovevano vedere tutti, ed alcuni prendevano un volo per Heraklion solo per quello. Il motivo era ovviamente la foresta di palme immediatamente alle sue spalle, l’unica d’Europa ad essere “originale”. Le palme a Vai non sono importate e ci sono da sempre. Oggi Vai continua ad essere un magnete, ma ha ceduto lo spettro della fama a Balos ed Elafonissi. In realtà è un pò tutta la zona orientale di Creta ad essere demodè, e questo ce la fa amare pazzescamente. Anche perchè, garantito, spiagge e paesaggi che si trovano in questa zona, per i Greci è Lasithi, non hanno nulla da temere. La spiaggia di Vai si trova..

    • Chi ci va?
      Una felice enclave hippy negli anni '60, Váï fu in seguito invasa dai viaggiatori zaino in spalla e degenerò rapidamente in un campeggio disseminato di spazzatura. Di conseguenza, il palmeto è stato proclamato zona di conservazione e campeggio vietato. Oggi, in alta stagione (da luglio ad agosto) la spiaggia è piena di gruppi di tour prevalentemente nord europei da località vicine, sovrappeso ma non dannosi. Più tranquilli viaggiatori indipendenti arrivano qui da maggio a giugno e da settembre a ottobre, come sempre il periodo migliore per visitarla.
    • Cosa c’è da fare?
      Prendere un lettino e un ombrellone di paglia e conquistare l'acqua con un boccaglio. Ci sono moto d'acqua e attrezzature per windsurf disponibili per l'affitto. Dopo la spiaggia, buona idea è visitare il monastero di Toploú (solo da aprile a ottobre, dalle 9:00 alle 19:00, solo inverno venerdì), un rifugio fortificato del XV secolo, che ospita una bella collezione di icone bizantine e post-bizantine. Il monastero è anche il più grande proprietario terriero della regione, e conta tra le sue proprietà la stessa spiaggia di Váï!
    • Come ci si arriva?
      Dalla popolare località costiera della costa orientale di Sitía, gli autobus pubblici passano più volte al giorno sino a Váï, a circa 20 km di distanza. Dal parcheggio, a pagamento, ci sarà da camminare un paio di minuti a piedi dalla spiaggia.
    • Costa: sud
    • Aeroporto: Heraklion

    b. Golden Beach (Chrissi)

    C’è un’isola nell’isola tutta da scoprire, a Creta. Chirissi è una delle grandi meraviglie di un mondo di mare dove il mare non finisce mai di stupire. Per sua fortuna, e per fortuna di tutta l’isola, si trova esattamente agli antipodi di Falassarna e Chania: per visitarla, quindi, bisognerà cambiare l’itinerario prestabilito o ancora meglio pianificare una vacanza che possa comprenderla nell'itinerario. Chrissi è un atollo caraibico e paradisiaco a poca distanza dal centro turistico di MakriGialos e a poca distanza dalla città più meridionale d’Europa, Ierapetra. Chrissi è un capitolo a sè, che non include solo una spiaggia, ma ben 9, di cui la stella è senza dubbio Golden Beach, il cui nome non è corretto, perchè non è fatto d’oro ma di zaffiro, la più blu delle pietre preziose.

    • Chi ci va?
      Una gita a Chrissi per un abitante di Creta è come per noi italiani una visita a Roma, o a Venezia. Non ci si può non essere stati! Popolare tra i ragazzi, tra le famiglie per una gita di giornata, per quando ti senti giù e senti che solo un bel bagno ti può rigenerare.
    • Cosa c’è da fare?
      Una volta, ci sarebbe stato da fare amicizia con gli asinelli, che danno in realtà il nome ufficiale dell’isola, ossia Gaiduronissi (isola degli asinelli). Oggi, c’è tutto quello che uno si può aspettare da una delle più caraibiche spiagge di Creta.
    • Come ci si arriva?
      Con un piccolo battello che attraversa il mare, partendo da Ierapetra, in circa 50 minuti. Una volta arrivati a Chrissi, dal minuscolo porto una passeggiata di circa 10 minuti porta a Golden Beach, che ha anche il nome locale di Belegrina, ed è la spiagga imperdibile tra tutte.
    • Costa: a sud della costa sud.
    • Aeroporto: Heraklion

    c. Xerokampos

    Xerokampos è una delle spiagge di Creta più amate dagli italiani. E come è vero per il caffè, siamo un popolo di intenditori. Vale davvero la pena di mettersi in viaggio verso questo luogo remoto ed inesplorato di Creta orientale. Nomi epici, che sembrano usciti da Game of Thrones, da antiche civiltà nate e cresciute sulla spiaggia, commerci e conquiste, come Kato Zakros o Ziros. Chilometri (tanti, quasi 100 da Agios Nikolaos) da percorrere tra altopiani incantati e villaggi medievali corrosi dalla polvere del tempo. E poi si arriva in spiaggia, in realtà un insediamento di poche camere e alcune taverne, dove ogni movimento sembra bandito. A Xerokampos quello che conta è ascoltare il battito del cuore e provare a calmarlo quando l’emozione diventa troppo forte.

    • Chi ci va?
      Tutti quelli che vogliono sempre spingersi un poco più in là. Quelli che pensano che l’erba del vicino sia sempre più verde, perchè spesso lo è.
    • Cosa c’è da fare?
      Xerokampos, e le spiagge nelle vicinanze, sono ideali per una totale vacanza di mare. Per chi è stato nelle Cicladi, una Anafi o una Schinoussa all’ennesima potenza.  
    • Come ci si arriva?
      In macchina, con un bel viaggio da Heraklion, di quelli da non dimenticare.
    • Costa: sud
    • Aeroporto: Heraklion

    Creta spiagge più belle, zona per zona

     

    1. Chania, l'ovest e Pelekanos

      La provincia di Chania è il "gold-standard" di Creta per gli amanti delle belle spiagge. Questo perchè, oltre alle citate Elafonissi, Balos, Falassarna, la parte ovest che corrisponde pressappoco perfettamente alla provincia di Chania è veramente baciata da un mare spettacolare. Tanto che ce ne sarebbero molte altre, di spiagge da citare. La prima, e più famosa, è quella di Stavros, dove è stato girato il famoso sirtaki di Zorba. Poi c’è un’altra nostra preferita, a sud questa volta, si tratta della bellissima Sougia. E Paleochora, che come un lazo lanciato da un esperto ranchero ci terrà al guinzaglio. Questi nomi, insieme a quelli citati sopra, costituiscono le basi per una perfetta vacanza di mare a Creta avendo Chania come base e aeroporto di riferimento.
    2. Rethymno

      La provincia di Rethymno è dove l’isola di Creta si fa più sottile: qui le distanze tra la costa nord e quella sud sono minime, anche meno di 40km. Questo ne fa un luogo estremamente strategico per partire all’esplorazione di tutte le più belle spiagge di Creta della sua parte centrale. Famosa è ovviamente Plakias, ma anche la zona di Bali, lungo la costa nord, un resort perfetto per famiglie e coppie che amano un posto bello e comodo ma buono per vederne altri senza percorrere troppi km. Altre chicche non citate? Agios Pavlos e gli isolotti di Paximadia, nei dintorni della caratteristica Agia Galini.
    3. Heraklion

      La provincia di Heraklion è quella meno presente nell'immaginario collettivo tra i cacciatori delle più belle spiagge di Creta. Eppure ce ne sono moltissime! Ad esempio Lendas, Tria Ekklesies e sopratuttto la spettacolare Agiofaragos, oltre che la zona super turistica di Malia e Hersonissos, dove si viene non solo per il mare ma anche per la vita notturna e una frizzante “social-life”. La chicca? Aspes, una black beach che non sfigurerebbe affatto tra le spiagge di Santorini, che in fatto di colori se ne intendono eccome!
    4. Lassithi
      La zona orientale di Creta non prende il nome da una città ma un altopiano che la compone per grande parte. Nonostante questo non è la montagna ma il mare a renderla grande. Qui, dove tutto è lontano, dove letteralmente termina la Grecia a Oriente, l’ultimo lembo di terra è lambito da alcune delle più incredibili spiagge di Creta. Oltre a quelle citate, ci sono l’isoletta di Koufonissi (no, non la Koufonissi delle Cicladi), la baia di Itanos, e poi la zona di Agios Nikolaos, con la famosa Elounda e le più piccole ma altrettanto da intenditori spiagge di Gargarodos e Ammoudara.